Decorare il frigorifero: ma come?

di Valentina Cervelli Commenta

Decorare il frigorifero: ma come? Spesso e volentieri non ci rendiamo conto di quanto tendiamo non volendo a personalizzare questo elettrodomestico attraverso disegni, calamite e piccoli oggetti. Come regolarci se vogliamo farlo coscientemente?

Ovviamente la prima cosa della quale tenere da conto è la funzionalità del nostro frigorifero: non possiamo appendere o “modificare” il suo aspetto con materiale e decorazioni che possano abbatterne le perfomance ma è necessario eseguire una scelta ben ponderata.

Una delle prime possibilità che si hanno è quella dei magneti: essi possono aiutare a tenere attaccate al frigorifero cartoline, bigliettini di auguri, disegni di ogni tipologia. Insomma, spesso rappresentano uno strumento valido per “decorare” il nostro elettrodomestico con i nostri ricordi: tecnicamente bisognerebbe rivolgere la propria attenzione all’acquisto di magneti con una forza adesiva di circa 1 kg. Essi possono essere a forma di lettera, numero, o qualsiasi altro oggetto si voglia. Possono tra l’altro essere personalizzati a tal punto da recare, come vuole una nuova tendenza, le fotografie di Instagram sulla loro superficie.

Questo non significa gettare alle ortiche i classici provenienti dalle città d’arte e di vacanza: essi vano considerati come dei veri e propri evergreen.  La maggior parte dei designer sta puntando sulle seguenti tipologie: calendari personalizzati, fotografie di famiglia, citazioni di ispirazione preferite, magnete per identificare la lavastoviglie pulito/sporco.

Quest’ultima va detto è forse la tipologia più strana ed in qualche modo interessante di calamita ma non è sempre adatta ad essere usata come decorazione sul proprio frigorifero. Concludendo: via libera alla fantasia ed alla giusta forza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>