Separè tra le tendenze d’arredo 2018

di Valentina Cervelli Commenta

Una delle tendenze del 2018 che mai ci si sarebbe aspettati divenire realtà e senza dubbio quella che rende più felici i cultori dell’arredamento classico: quest’anno vede il riaffermarsi del separè come elemento di arredo da sfruttare per utilizzare al meglio gli spazi che si hanno a disposizione.

Una ragione molto importante alla base di questo approccio c’è: i designer mai come ora stanno puntando su case senza soluzione di continuità e per quanto si voglia e possa puntare ad un ambiente senza muri, vi è la necessità di ottenere un minimo di privacy nonostante tutto. I separè danno modo di raggiungere questo obiettivo senza “bloccare” la luminosità generale dell’abitazione e mantenendo alti gli standard a livello estetico.

Tra le caratteristiche più interessanti del “paravento” vi è senza dubbio la facilità di spostamento e apposizione: sebbene alcune scelte potrebbero essere interpretate e utilizzate come fisse in specifici punti, il separè è ottimo per essere utilizzato al bisogno anche semplicemente per difendere da sguardi indiscreti del disordine momentaneo in alcune parti della casa. Questo ritorno è pienamente parte della spinta vintage che sta investendo il 2018: come complemento d’arredo questo oggetto veniva infatti utilizzato molto in passato, spesso per poter parlare con calma e tranquillità o per cambiarsi mentre altre persone erano nelle stanca.

In questo caso ovviamente è più un vezzo di design che punta a superare addirittura le origini orientali di questo oggetto e che in qualche modo aiuta a gestire grandi ambienti in modo tale da ottenere raccoglimento anche in situazioni nelle quali, in teoria, sarebbe impossibile. Il separè esprime eleganza e leggerezza: un fattore da non sottovalutare in contesto residenziale e di rappresentanza. E perché no, anche in terrazze.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>