Credenza, un mobile che non passa di moda

di Valentina Cervelli Commenta

La credenza è senza dubbio uno di quei mobili che non passano mai di moda, a prescindere dal materiale utilizzato per la loro creazione. Senza dubbio quelle di impronta contemporanea sono espressione di tanti stili differenti, ma anche quelle vintage, di stampo classico, hanno il loro perché.

Senza dubbio il materiale più utilizzato in tal senso è il legno: a prescindere dal tipo di design pensato esso rimane comunque la materia più malleabile sulla quale lavorare. E questo è valido per le credenze in shabby chic anticate tanto quanto per quelle industrial con inserti di metallo. La credenza può essere inserita con facilità in una living room o in una cucina: non vi sono limiti in tal senso, a patto che la stessa si adegui allo stile del resto della stanza. Di solito viene preferito qualcosa che ricordi una certa rusticità o che comunque esprima calore, insomma qualcosa di classico che si adatti a contenere suppellettili ma sappia fare la sua bella figura generale.

E’ per questo che molti interlocutori del settore puntano al vintage o all’anticato: è davvero possibile in questo modo interpretare il gusto nel modo giusto, arredando con calore ma anche con eleganza.  Attenzione però: più è vecchia più vi è necessità di fare manutenzione. Non è difficile: occorre solamente spolverare con un panno antistatico e  pulire con un panno morbido in microfibra inumidito e ben strizzato ed eventualmente a seconda della composizione usare dei prodotti specifici per i vari materiali di cui è costruita.

Tra le più interessanti, a prescindere dalla loro altezza, vi sono quelle che sfruttano le forme geometriche per la loro struttura e quelle illuminate al led: soprattutto quest’ultime consento di poter sfruttare un incredibile impatto estetico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>