The House of Trash, dove i rifiuti diventano mobili

di Valentina Cervelli Commenta

The house of trash consentirà ai rifiuti di venire trasformati in mobili utilizzabili per qualsiasi stile di arredamento: si tratta di un progetto, una sfida che viene lanciata all’interno del cuore di milano, presso Foro Bonaparte che di sicuro attendiamo di veder vinta.

Perchè quando si tratta di mobili, riciclo ed innovazione sono due parole d’ordine che vogliamo leggere e vogliamo vedere realizzarsi. In questo caso la sfida è stata lanciata da Miniwiz e Pentatonic: la prima è un colosso dell’economia circolare, il secondo è un brand emergente di articoli per la casa e gli accessori. Anche Sartoria Comunicazione è tra i collaboratori. Questo spazio verrà allestito in modo tale da dare una nuova collocazione a tutti quegli scarti di moda e arredamento che vengono gettati.

Insomma, un progetto con il quale dimostrare che l’economia circolare funziona e può adattarsi alle esigenze di chiunque grazie ad un processo di “trasformazione e rinascita” del quale House of Trash diventa vetrina ed esempio principale. Il tutto senza rinunciare all’estetica. Va detto che una volta inaugurato, lo spazio aprirà le sue porte a quelle aziende sostenibili che vorranno mostrare le ultime creazioni e innovazioni green. Come recita il  motto di Pentatonic:

Tutto il materiale di cui abbiamo bisogno è già in circolazione: i vestiti che non indossiamo più, i DVD che non guardiamo più. La nostra missione non è solo riciclare riutilizzando i materiali che usiamo, ma garantire che ogni nuova vita che diamo a questi materiali sia migliore della precedente. Questo significa che ciò che realizziamo rimane riciclabile al 100% e completamente innocuo da avere in casa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>