Ikea, mobili in realtà aumentata grazie ad Apple

di Valentina Cervelli Commenta

Il futuro dell‘arredamento passa per Ikea, Apple e realtà aumentata. Questo significa che le immancabili domeniche nella folla all’interno dei punti vendita del marchio di arredamento spariranno? No, ma sicuramente i clienti potranno contare su un approccio totalmente tecnologico alla scelta dei loro mobili.


Quella presentata dalla multinazionale svedese è di certo una di quelle novità che faranno parlare a lungo: sta infatti per lanciare un’applicazione che permette ai clienti di farsi davvero un’idea di come saranno i mobili che intendono comprare all’interno del loro spazio di vita. Una sorta di arredamento virtuale che può essere eseguito ancor prima di comprare, in modo tale da esser certi che ciò che viene acquistato si adatti perfettamente a dove esso deve essere posto.

Per fare questo Ikea utilizzerà una nuova piattaforma della Apple che verrà lanciata nell’autunno del 2017. La novità è stata presentata da Craig Federighi, vice presidente senior del reparto software del brand, durante l’edizione 2017 della Apple Worldwide Developers Conference (WWDC). Il Ceo di Ikea ha così commentato:

Sarà la prima AR app che ti darà l’opportunità di fare decisioni di acquisto. Tutti i nostri nuovi prodotti appariranno innanzitutto sulla piattaforma.

I mobili che verranno inseriti nell’ applicazione saranno circa 400- 600 e daranno modo a tutti di poter verificare quanto effettivamente il proprio acquisto si adatti alla propria abitazione. Un’innovazione che porterà quasi sicuramente il brand Ikea ad un nuovo lustro e ad essere conosciuto anche da coloro che fino ad ora si erano tenuti lontani dall’azienda perché non in grado di immaginare effettivamente determinate tipologie di mobilio all’interno dei propri spazi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>