Poltrone crochet

di Sara 1

Una poltrona di design da sola è capace di cambiare status ad un intero ambiente, dandogli un carattere più deciso e aggiungendo un elemento di originalità ad una camera dall’arredo moderno o classico. Una poltrona crochet fa addirittura di più.

Quelle che vi proponiamo oggi sono state ideate dagli studenti della Rhode Island School of Design e in particolare dal dipartimento di Furniture Design and Textiles. Sono poltrone che rivisitano l’idea della lavorazione a crochet, ma non solo. Sono infatti realizzate con varie tecniche e materiali disparati, ma sempre dall’impatto visivo notevole.

La collezione è molto ricca, caratterizzata da modelli unici che reinterpretano il concetto classico della poltrona servendosi di materiali isoliti come le lane, il cotone, la spugna e il raso in luogo delle consuete imbottiture in forma di cuscino.

L’idea era quella di immaginare una nuova declinazione dei materiali morbidi associati alle sedute per il relax. Non più cuscini e schienali in senso classico, dunque, ma una rivisitazone tutta nuova, originale e d’impatto. Specialmente perché in molti casi si è puntato sul rosso fuoco. Ma non solo.

La Looped Pile Seat ha tratto la sua ispirazione dalla lavorazione dei tappeti di lana a pelo lungo. La poltrona Paper Crochet invece sceglie la classica lavorazione a uncinetto, eseguita però con un filato esageratamente grosso. Segue la stessa ispirazione anche la seduta Million Loops, che rifiuta persino la struttura rigida per la seduta.

Una struttura semplice e minimale, ma in metallo, ha invece la sedia Sinuous. Modello dopo modello, idea dopo idea, scopriamo in gallery l’insieme delle incredibili proposte. Alcune sono davvero sorprendenti, piacevoli e originali. Altre sono un po’ meno accattivanti, ma non meno particolari.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>