Dolce e Gabbana debuttano nell’arredamento

di Valentina Cervelli Commenta

Dolce e Gabbana hanno fatto il loro debutto nel mondo dell’arredamento: c’è chi ha amato tutto ciò e chi si chiede se sia stata una mossa saggia quella di sbarcare in questo mercato: quel che è certo è che ciò che hanno presentato alla Misericordia di Venezia a fine agosto è qualcosa in grado di lasciare il segno.

Un esordio che lascia il segno

Parliamo di una collezione importante, molto vasta, che conta più di trecento pezzi diversi adatti ad arredare o diventare accessori di moltissime stanze diverse. Inutile girarci intorno si tratta di pezzi di una certa tipologia che non sono adatti a tutte le idee di stile che si possono avere per la propria casa: il livello qualitativo è comunque molto alto dato che Dolce e Gabbana si sono affidati a diversi artigiani provenienti da tutta Italia per creare la loro collezione, che comprende tavoli, poltrone, mobili bar e carrelli oltre a tantissimi altri complementi.

Sono quattro le tematiche nelle quali la collezione di mobili di Dolce e Gabbana è suddivisa. Hanno spiegato i due stilisti nel corso della presentazione:

Abbiamo voluto chiamare tanti esperti dei saperi manuali, gli abbiamo chiesto delle cose, ma li abbiamo anche ascoltati, ci siamo fatti consigliare. […]Io sono un po’ bohemien [Stefano] mi piace raccogliere e conservare tanti oggetti coniugano quelli più umili e quelli più preziosi, il sobrio e il kitsch, mentre Domenico rivoluzionerebbe la casa ogni sei mesi. Mi ricordo, di quando eravamo una coppia, che ci mettevamo a spostare mobili…”.

Quattro le tematiche della collezione

Carretto riporta la mente alla tradizione siciliana e ai mobili antichi, mentre Blu Mediterraneo presenta quello che appare essere evidente richiamo al decoro delle caratteristiche ceramiche bianche a motivi azzurri che a quanto pare, secondo le parole di Dolce è stato ispirato dall’aspetto dell’hotel Parco dei Principi di Gio Ponti a Sorrento. Vi sono poi due tematiche animalier, Zebra e Leopardo: quest’ultima è stata selezionata insieme a Carretto per essere parte della presentazione veneziana: è stata lei la prima ad accogliere i visitatori che entravano all’evento.

Come già intuibile si è trattato di una presentazione a due voci che però è stata condotta da protagonisti diversi dato che i due stilisti si sono fatti aiutare anche da Luxury Living Group, che ha commentato, riguardo la collezione che “la capacità di interpretare e tradurre i valori e l’identità di Dolce & Gabbana, unita alla cultura artigianale, ha permesso al Gruppo di dare forma ad un nuovo modo di abitare la casa”. Interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>