Ceramica, non solo bagni e cucine

di Valentina Cervelli Commenta

La ceramica, che si sostiene tornerà di tendenza nel 2019, è un materiale che viene relegato mentalmente come utile solo all’interno di cucine e bagni: niente di più sbagliato può esistere. Esso può essere usato anche in altri ambienti della casa.

Un esempio? Le piastrelle in ceramica sono un elemento che se scelto della giusta fantasia può essere considerato perfetto per essere usato in camera da letto, sia per decorare una parete nella sua interezza, sia creando delle composizioni. Posizionarle nella maniera giusta rappresenta almeno il 50% dell’intero sforzo. Soprattutto se la nostra casa e quindi anche la stanza dove dormiamo è in stile industriale: il contrasto che creeremo in quel caso infatti ha la capacità di adeguarsi perfettamente all’approccio tipico di questo filone, creando un insieme piacevole e non scontato.

Non bisogna partire dal presupposto di non “osare” in questi casi: le piastrelle in ceramica non possono e non devono essere considerate solo un elemento adatto ai bagni o alle cucine. In quei casi senza dubbio le stesse sono in grado di dare il loro meglio ma non devono essere limitate solo a quel contesto. Le loro numerose finiture sono in grado di dare vita a moltissime composizioni interessati. Il consiglio? Puntare sulle fantasie geometriche di apposizione sui muro e sul contrasto tra i colori.

E lo stesso può essere fatto nella living room, soprattutto se la composizione di piastrelle in ceramica viene sistemata in modo da riprodurre decorazioni di una certa importanza capaci di “sostenere” il proprio ruolo estetico senza bisogno di particolari complementi a fare da supporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>