Aquawave, mobili da bagno come onde

di Gianni Puglisi Commenta

Aquawave, una collezione che porta il mare o meglio una sua parte, le onde, nel bagno di casa. Questa è la suggestione alla base della serie di mobili per il bagno che il designer Philipp Aduatz ha realizzato per l’innovativa azienda  Klomfar Vienna avvalendosi di una tecnologia avanzata. Andiamo a scoprirla nei dettagli.

 

 


Klomfar  è un’azienda  austriaca a conduzione familiare specializzata in accessori esclusivi, sanitari, rubinetterie e tessili per bagno e da 55  anni  è nel commercio internazionale all’ingrosso e al dettaglio di  sanitari.

Con la gestione di Martin Klomfar, figlio del fondatore Helmut, per l’azienda ha avuto inizio una fase di innovazione. Infatti ora  l’azienda realizza anche prodotti  tra  i  quali  la nuovissima collezione da bagno Aquawave. Il designer Philipp  Aduatz  che l’ha prodotta si è ispirato niente di meno che alla filosofia greca del ‘panta  rhei’ , tutto scorre, per  creare  mobili  che hanno una natura unica.

 

 

Il concept alle spalle di questa serie di mobili per bagno si basa sulla visualizzazione del fenomeno dell’acqua che forma le onde. Le onde sono create dal vento e sono influenzate dall’inerzia e dalla gravità, spiega Aduatz.

 

 

 E’ un progetto che fonde il mobile con l’elemento naturale che lo circonda – aggiunge il titolare dell’azienda, Martin Klomfar – Il bagno è acqua e l’arredamento si integra perfettamente con il contesto. Sono mobili di alta fascia e con un alto livello di funzionalità.

 

 

 

Innovativo è anche il fatto che Aquawave è stata realizzata utilizzando le più recenti tecnologie. Una peculiarità  che fa di Aquawave non solo una collezione dal design entusiasmante, ma anche un prodotto all’avanguardia.

 

 

 

Infatti, la superficie ondulata è stata creata utilizzando un cad software, normalmente utilizzato per film d’animazione, ovvero un programma per la lavorazione di prodotti in 2D o 3D.

 

 

E così l’effetto è prodigioso: i mobili da bagno sono realizzati senza avere cesure e le superfici sono ondulate proprio come l’acqua del mare mossa dal vento e fluiscono senza soluzione di continuità.

 

 

I mobili sono stati realizzati eliminando i bordi e creando una superficie continua. Proprio come succede all’acqua, conclude Aduatz.

 

 

 

 

 

Fonte e foto aquawave.at

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>