Cromoterapia nell’arredamento? Ecco qualche consiglio

di Valentina Cervelli Commenta

Scegliere i colori giusti per arredare la propria stanza di solito è un’attività che viene dettata da gusto personale e dallo stile scelto. Cosa accadrebbe se chiamassimo in causa la cromoterapia? Ecco qualche consiglio per regolarsi al meglio.

Non è una novità che il colore della stanza sia in grado di influenzare l’umore della persona, aumentandone la concentrazione o favorendone uno stato di relax. Ma quale colore inserire in quale stanza? Gli esperti di cromoterapia, a livello internazionale, sembrano essere concordi su alcuni accostamenti base.

Per ciò che concerne la camera da letto i colori consigliati possono essere considerati due estremi della stessa medaglia, visto che per gli esperti il rosa e l’azzurro tendente al grigio sono i colori più rilassanti e carichi di energia positiva a tal punto di essere in grado di abbassare la pressione arteriosa e donare alla mente pace. Diverso approccio è quello relativo alla cucina, una delle stanze più utilizzate e trafficate: l’energia di cui si ha bisogno in questo vano infatti viene coadiuvata, secondo chi pratica la cromoterapia, dall’arancione e dal giallo. Essi esprimono voglia di socializzare, felicità ed ottimismo che uniti al buon cibo possono cambiare davvero la vita di una persona.

Per il bagno è necessario fare un discorso un po’ diverso: serve eleganza e neutralità secondo i dettami della cromoterapia. Ecco quindi che il grigio e l’azzurro, nelle loro riverse sfumature si adattano meglio, arrivando ad avere secondo gli esperti anche un’influenza decisa sul sistema immunitario. La living room? In questo caso è il bianco ad avere il via libera grazie alla sua capacità di rendere più luminosa una stanza, unito al verde che dona serenità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>