Compasso d’oro 2016, assegnati i Nobel del design

di PieraLombardi Commenta

Un rubinetto, ma anche un auditorium; una caffettiera che sembra una pietra, ma anche un modello ultralussuoso di Ferrari; dei semplici ganci di sicurezza, ma anche un super motoscafo; una piccola luce da bicicletta ma anche una complessa postazione per il fitness: sono alcune delle opere vincitrici del premio Compasso d’oro, il ‘Nobel’ per il design appena assegnato. Creatività, originalità, tecnica e armonia: in base a questi principi, anche quest’anno, l’Adi, associazione per il design industriale, ha assegnato l’ambito premio. Ideato da Jo Ponti nel 1954, giunto alla 24 esima edizione, è il più alto riconoscimento in questo settore. Ben 13 i compassi d’oro assegnati, oltre a 12 premi alla carriera e a numerose menzioni. La giuria internazionale ha lanciato un appello: il design deve pensare ai più deboli e ai paesi con difficoltà economiche.

 

 

 

Qui di seguito tutti i premiati e le motivazioni.

 Ascent, design di Daniel Rybakken. Luceplan

 

 

 

La motivazione: La lampada Ascent, categoria Design per l’Abitare, progettata da Daniel Rybakken, prodotta da Luceplan. Compasso d’Oro per la semplicità della bellezza di un gesto che calibra l’intensità e l’ampiezza della luce.

 

 5MM, design di Giampiero Castagnoli, Marco Fagioli, Emanuel Gargano. Rubinetterie3M

 


La motivazione: 5mm, categoria Design per l’abitare: il rubinetto sottilissimo progettato Giampiero Castagnoli, Marco Fagioli, Emanuel Gargano, prodotto da Rubinetterie3M. Compasso d’Oro per l’eccellente risultato che trasmette la convergenza tra soluzioni tecnologiche e linguaggio formale e innovativo; una soluzione compatta che indica nuovi scenari.

 

 Auditorium Giovanni Arvedi, design di Giorgio Palù e Michele Bianchi. Fondazione Giovanni Arvedi e Luciana Buschini

 

 

La motivazione: Auditorium Giovanni Arvedi, categoria Design per la comunicazione, progettato da Giorgio Palù e Michele Bianchi, per la Fondazione Giovanni Arvedi e Luciana Buschini Compasso d’Oro per aver realizzato con bellezza ed eleganza il concetto di armonia pari a un grande strumento musicale.

 

Design as a development tool, design di Giulio Vinaccia e Valerio Vinaccia. Unido – United Nations Industrial Development Organisation

 

 

La motivazione: Design as a Development tool, categoria Design per il sociale, ideato da Giulio Vinaccia, Valerio Vinaccia per UNIDO United Nations Industrial Development Organisation. Compasso d’Oro a un progetto destinato a un mondo reale in un contesto con risorse limitate utilizzando i materiali e le risorse locali.

 

Ferrari FXX K, design di Flavio Manzoni – Ferrari Design con Werner Gruber – Ferrari Design

 

 

La motivazione: Ferrari – FXX K, categoria Design per la mobilità, progettata da Flavio Manzoni con Werner Gruber, Ferrari Design, per la Ferrari. Compasso d’Oro per automobili di grande artigianalità industriale che rispecchiano i valori della Ferrari e del made in Italy, riconoscimento a un team formidabile che incarna i valori di un marchio storico.

 

Flap, design di Alberto Meda e Francesco Meda. Calmi Brevetti

 

La motivazione: Flap, categoria Design per il lavoro, progettato da Alberto Meda e prodotto da Caimi Brevetti. Compasso d’Oro per un sistema versatile e libero che indica una nuova soluzione per un problema invisibile come i suoni e i rumori.

 

Lucetta, design di Emanuele Pizzolorusso. Palomar

 

La motivazione: Lucetta, categoria Design per la persona, progettata da Emanuele Pizzolorusso, prodotta da Palomar Compasso d’Oro per un prodotto piccolo, ma grande. Un oggetto che dà una risposta intelligente a un’oggettiva necessità.

 

Monokini, design di Francesco Paszkowski Design (exterior design), Alberto Mancini Design (interior design), Baglietto (naval architecture)

 

 

La motivazione: Monokini, Design per la mobilità, progettato d Francesco Paszkowski Design (exterior design) e Alberto Mancini Design (interior design), Baglietto (naval architecture) e prodotto da Baglietto Compasso d’Oro per la reinterpretazione di un archetipo e di una tradizione marinara con l’introduzione di tecnologie innovative.

 

Ok, design di Konstantin Grcic. Flos

 

 

La motivazione: OK, categoria Design per l’abitare, progettata da Konstantin Grcic e prodotta da Flos Compasso d’Oro per un oggetto che propone l’evoluzione di un’icona conservandone la tradizionale eleganza.

 

Omnia, design di Technogym Design Center. Technogym

 

La motivazione: Omnia, categoria Design per la persona, progettato da Technogym Design Center per Technogym Compasso d’Oro per un sistema compatto che favorisce il benessere fatto di forma fisica e socializzazione.

 

Ossidiana, design di Mario Trimarchi. Alessi

 

 

La motivazione: Ossidiana, categoria Design per l’abitare, progettata da Mario Trimarchi e prodotta da Alessi Compasso d’Oro per tradizione e innovazione in un oggetto tipicamente italiano che sembrava immutabile.

 

Twin gate, design di R&D Gravel con Maurizio Gallo. Gravel

 

La motivazione: Twin Gate, categoria Design per la persona, progettato da R&D Grivel con Maurizio Gallo e prodotto da Grivel Compasso d’Oro per un oggetto specialistico che migliora significativamente tutela e sicurezza nel rispetto della semplicità della forma.

 

 

 

Vela, design di Lievore Altherr Molina. Tecno

 

 

La motivazione: Vela, categoria Design per il lavoro, progettata da Lievore Altherr Molina e prodotta da Tecno Compasso d’Oro per una ricerca che risulta in un prodotto elegante, leggero, tecnologico e solido integrando in modo brillante ergonomia ed estetica.

 

 

Fonte e foto adi-design.org

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>