Comodini inusuali ma estetica al top

di Valentina Cervelli Commenta

Quando si parla di comodini è importante sottolineare che non vi è nessuna legge che costringa le persone ad affidarsi alla classica formulazione che da sempre accompagna le camere da letto. Ci si può buttare su soluzioni inusuali ma comunque al top per ciò riguarda l’estetica.

Essere anticonvenzionali può pagare in questo contesto, soprattutto se si ha la capacità di selezionare per la propria stanza qualcosa che si armonizzi con il resto. Una delle opzioni più semplici è senza dubbio legata all’utilizzo di una sedia, meglio se in legno e vintage. E’ incredibile come un simile complemento d’arredo possa essere effettivamente plasmato per divenire un comodino: certo, la mancanza di cassetti potrebbe farsi sentire ad un certo punto, ma ciò non toglie che si tratta di un’ottima alternativa a basso costo e importante dal punto di vista estetico perché la sua personalizzazione è molto semplice da gestire.

Ancor più interessanti e di design sono i comodini pensili che possono essere ottenuti utilizzando delle mensole a propria scelta o comprati da quegli interlocutori che li offrono come possibilità. Soprattutto quest’ultima versione non ha nulla che manchi rispetto ad un comodino tradizionale ma possiede in più la comodità di una pulizia facile e di un posizionamento molto più versatile. Senza calcolare che a livello estetico, sia con un complemento più classico che con le mensole è possibile davvero raggiungere  risultati notevoli.

Unico “difetto”? Se si usano e mensole tutto rimane a vista. Soluzione estrema? Letto con comodini integrati: ma non tutti la trovano una soluzione praticabile seppur più compatta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>