Lampade vintage, un guizzo da esplorare

di Valentina Cervelli Commenta

Le lampade vintage sono tornate prepotentemente di moda in questo 2018 caratterizzato da una forte spinta verso il passato in materia di design: e questo non deve essere considerato un male.

Soprattutto perché consente di sfruttare al meglio elementi che altrimenti non troverebbero più uso nonostante la loro validità. Soprattutto per ciò che riguarda l’estetica le lampade vintage rappresentano quei pezzi unici in grado di trasformare completamente un arredamento da scialbo a perfetto.

E questo, soprattutto per ciò che concerne l’illuminazione, è un fattore decisamente importante: spesso bastano anche piccoli cambiamenti per dare alle stanze un aspetto diverso e più elegante. Ovviamente non vi stiamo suggerendo di impazzire nella ricerca della lampada di design perfetta, ma di quel complemento d’arredo di qualità ed in buone condizioni che può essere trovato presso mercatini dell’usato o a casa della nonna.

Quando si deve scegliere una lampada vintage da inserire nella propria abitazione sono diverse le caratteristiche che devono essere ricercate: la prima è che sia in grado di adattarsi pienamente a livello spaziale sia che abbia un fusto che le consenta di mantenersi in piedi da sola, sia che si tratti di una lampada a sospensione. E’ poi altrettanto importante selezionarne una composta di materiali che possano creare continuità con il resto della casa, nella quale la lampada vintage è chiamata ad inserirsi senza dare vita per forza ad un eccessivo contrasto.

Questo non significa che non debba spiccare, anzi: ma deve farlo in modo intelligente, riuscendo ad integrarsi in modo corretto con il resto del mobilio e dello stile già presente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>