Come scegliere il materasso per la camera da letto

di Valentina Cervelli Commenta

Dalla scelta del materasso per la propria camera da letto dipendono il comfort e la soddisfazione psicofisica di ogni individuo: per dormire bene e rimanere in salute bisogna selezionare dei prodotti che sappiano sostenere il corpo e risultino freschi e anallergici in qualsiasi condizione.

Materasso tecnicamente all’avanguardia

Un’esigenza che Tempur, da anni ormai all’avanguardia nel settore della fabbricazione di materassi è in grado di soddisfare pienamente. Per poter dar vita a materassi di qualità è necessario impegnarsi nella ricerca di materiali sempre più avanzati che possano offrire comodità e sostegno. Un bisogno soddisfatto anche dai nuovi prodotti della linea Tempur che ha recentemente ampliato la sua gamma con due modelli, Firm Elite 25 CoolTouch™ (alto 25 cm) e Firm Supreme 21 CoolTouch™ (alto 21 cm).

Proprio per la creazione di materassi in grado di dare un sostegno maggiore e una più importante sensazione di rigidità è stato creato il il Tempur Extra Firm Material, dotato di schiuma più rigida. Inoltre, è stata ideata la tecnologia CoolTouch™, capace di mantenere alta traspirabilità e allo stesso tempo la fodera fresca tutta la notte unendola al materiale TEMPUR® Extra Firm Support.

Completamente sfoderabile, con fodere lavabili in lavatrice a 60°, il materasso si adatta perfettamente al sonno del singolo utilizzatore, grazie alla tecnologia Tempur che reagisce a temperatura, forma e peso del corpo. Il materiale TEMPUR® utilizza una formula segreta, sviluppata dalla NASA per offrire il massimo supporto agli astronauti in fase di decollo: il confort viene garantito da ellule visco-elastiche che si modellano attivamente, adattandosi alla struttura fisica.

Quando si sceglie il materasso per la propria camera da letto è dunque importante selezionare quello che si adatta con più facilità e maggiore tenuta alla temperatura, alla forma e al peso del corpo che lo userà: ragione per la quale è importante esigere, soprattutto se non si ha la possibilità di provarlo prima dell’acquisto, tutte le certificazioni che accompagnano il materasso.

Le certificazioni che un materasso deve avere

Comprare un materasso nuovo per la propria camera da letto non è un atto che può essere compiuto in maniera sconsiderata: sia che l’acquisto avvenga in un negozio fisico, sia che venga eseguito online, conoscere le qualità e le eventuali certificazioni diventa basilare per scegliere nel modo giusto.

Tutti i prodotti Tempur offrono garanzia di qualità al cliente grazie alle certificazioni conquistate nel corso del tempo. A partire dalla LGA, marchio di qualità tedesco che rilascia certificazioni per i materassi che soddisfano caratteristiche legate ai benefici per la salute. Vi è poi il Reach, regolamento dell’Unione Europea per il rilascio dell’autorizzazione o la restrizione sull’impiego di prodotti chimici che mostra come i prodotti che rispondono a tale dicitura sono prive di specifici allergeni.

Una delle più importanti certificazioni dei materassi Tempur è la Oreo-Tex Standard 100: standard unico di certificazione e controllo nel settore delle materie prime tessili, dei semilavorati e dei prodotti finiti in tutte le fasi di lavorazione, che consente d’identificare quei prodotti che non presentano alcun rischio per la salute.  Non manca poi il riconoscimento delle norme UNI EN ISO 900 e UNI EN ISO 14001:2004 legate rispettivamente al sistema di qualità aziendale e ambientale e ancora la Certificazione Energetica ISO 50001 con la quale si riconosce l’attuazione di politiche energetiche concrete volte alla sostenibilità.

I materassi Tempur rispondono anche alla certificazione di Sicurezza OHSAS 18001 che comprova come la produzione sia avvenuta nel rispetto della sicurezza del personale sul luogo del lavoro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>