Carta da parati per pavimenti: opzione interessante

di Valentina Cervelli Commenta

Tra le soluzioni a disposizione per arredare la propria casa vi è quella della carta da parati per pavimenti: ovviamente concepita per soluzioni indoor, può rappresentare un’opzione di rivestimento da utilizzare.

Ovviamente prima di optare per questa soluzione è necessario prendere in considerazione diversi fattori, sia per ciò che concerne i costi, sia per ciò che riguarda possibili dislivelli a seconda di come la carta da parati verrà apposta: ma questa è una “problematica” tipica di qualsiasi nuova pavimentazione si intenda inserire, soprattutto se ve ne è una pre-esistente. Progettare con attenzione prima di iniziare con i lavori renderà possibile non dover poi intervenire sulle porte o altri elementi.

Importantissimo quindi, rivolgersi a personale specializzato: fatta questa lunga premessa possiamo concentrarci su quelle che sono le caratteristiche più interessanti della carta da parati per pavimenti. Per prima cosa si tratta di un tipo di rivestimento molto resistente ma flessibile allo stesso tempo: essa protegge e contestualmente decora rivelandosi un elemento di arredo e di design allo stesso tempo. Una soluzione perfetta per chi vuole qualcosa di originale ma allo stesso tempo elegante per i propri pavimenti, raggiungendo una completa e sensibile rivalutazione della stanza stessa.

Il suo strato superficiale plastificato può esser lucido, opaco, liscio o a rilievo: la scelta è tutta basata sul gusto personale di chi vuole utilizzarla per i propri pavimenti. Si tratta di un elemento impermeabile quindi è lavabile senza alcun problema e soprattutto l’ampia offerta proposta dagli interlocutori del settore mette a disposizione una pressoché infinita possibilità di scelta.

Photo Credit | Edilportale

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>