Carta da parati “musicale” di Brian Eno

di Valentina Cervelli Commenta

Arredare le pareti può essere fatto in diversi modi: uno di essi è la carta da parati che in questo luglio 2018 dimostra ancora una volta di fare parte di un settore in pieno sviluppo che punta a creare “pareti musicali” sfruttando la musica e trasformandola in disegno.

Non deve stupire tutto ciò: gli ultimi saloni di design ci hanno dimostrato come la carta da parati sia tornata in forte auge quest’anno per qualsiasi parte della casa. Se non si sa come dipingere le pareti della propria abitazione, affidarsi alla carta diventa un gioco forza che può essere molto divertente, soprattutto se viene coinvolto anche il mondo della musica.  Come? Almeno in questo momento anche grazie a Brian Eno.

Il musicista infatti ha messo la sua firma su una “capsule collection” per Gram & Brown, uno brand inglese famoso per le sue carte da parati fin dal 1946. Il nome della collezione nello specifico? Mask Series. Parliamo di un vero e proprio progetto che pur basandosi sulle tradizionali forme astratte tipiche dei prodotti dell’azienda inglese, punta a dare vita alla musica attraverso disegni che la esprimano sfruttando l’espressionismo astratto e la fantasia. Si tratta di una scelta che non deve stupire questa della commistione tra i due mondi: in fin dei conti sia la musica che la carta da parati tendono a creare un’atmosfera intima all’interno dell’abitazione, influenzando in qualche modo anche l’umore di chi nella casa ci vive. Tradurre la musica in immagini: un’azione davvero incredibile, soprattutto quando contestualizzata all’interno del settore dell’arredamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>