Camino in camera da letto: si o no?

di Valentina Cervelli Commenta

Camino in camera da letto si o no? Niente è impossibile se lo si desidera ma allo stesso tempo vero è che per riuscire i alcune attività è necessario conoscere e rispettare le regole ad essa collegate. In questo caso prima di impiantare bisogna capire se è consentito.

La legge attualmente vigente vuole infatti che solo un modello a perfetta tenuta stagna possa essere installato in un ambiente nel quale si possa dormire. Secondo la normativa di riferimento UNI 10683 del 2012 infatti, l’installazione del camino (o della stufa) a legna o a pellet in camera da letto, in bagno o in un monolocale è consentita solo se viene utilizzato un apparecchio di tipo ermetico o a camera stagna. Cosa significa? E’ molto semplice: il camino è stato costruito usando una tecnica che gli permette di funzionare  prelevando l’aria comburente direttamente dall’esterno, senza sottrarre aria all’ambiente della stanza.

Non solo: in camera da letto, che deve essere almeno di 10-11 mq, esso deve essere a focolare chiuso: solo in questo modo l’aria entra ed esce dal camino attraverso tubi preposti che scaricano e caricano all’esterno, canna fumaria compresa, ovviamente.

Questo non limita assolutamente le possibilità di arredamento con gli stessi. Tra l’alto a seconda delle necessità si può puntare all’installazione di modelli elettrici, a bioetanolo o a gas, ovviamente seguendo anche in questo caso le norme che ne regolano l’immissione. Unico consiglio: il camino in camera da letto deve essere legato allo stile scelto per l’arredamento, in modo tale da creare un ambiente piacevole da osservare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>