Camera da letto in mansarda, ecco come

di Valentina Cervelli Commenta

Camera da letto in mansarda? Non è un sogno assurdo: al contrario è possibile arredare questi spazi dando un fascino unico alla propria soluzione, sfruttando proprio quello che viene generalmente considerato uno dei suoi difetti più grandi: il tetto spiovente.

Non dobbiamo infatti dimenticare che di solito, con questi, sono compresi anche i lucernari, le travi di legno, la luce naturale che è possibile far entrare in modo pittoresco. Quando si costruisce una camera da letto in mansarda quasi sempre si ottiene un ambiente romantico e contenuto, semplice ma di effetto. Vero è che non sempre arredarle è facilissimo, ma una volta compreso come gestire gli spazi si è senza dubbio un bel passo avanti.

Come sempre vale la regola generale che prevede di sfruttare le parti più alte per muoversi o sostare ed utilizzare quelle più basse per mobili e funzioni di contenimento: è altrettanto realistico rendersi conto che poi saranno la forma e la grandezza della stanza a perfezionare questa regola. Se lo spazio è poco ed il tetto è ad una sola falda inclinata, il letto potrebbe essere addossato alla parete bassa accertandosi di potersi alzare senza problemi, usando mobili contenitori per riempire con giudizio e stile eventuali spazi. Se al contrario la camera da letto deve essere creata all’interno di uno spazio grande e con il tetto a due falde inclinate, il letto può essere inserito proprio nella parte più alta e centrale.

E’ importante ricordare che se ben inserite le cabine armadio possono essere parte di una camera da letto in mansarda senza problemi. Altro suggerimento: via libera ai lucernari apribili.

Photo Credit | Dalani

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>