Arredo a forma di cibo, prezzo e tipologie

di Valentina Cervelli Commenta

L’arredo a forma di cibo non è un’opzione che molti prendono in considerazione: esso si adatta infatti maggiormente a case eclettiche e di design, data la capacità dei complementi d’arredo di catturare l’attenzione.

Le soluzioni sono molte, nonostante non vi siano troppi interlocutori impegnati in questa tipologia di creazioni: motivo per il quale i prezzi salgono e non poco quando si cerca di acquistare un pezzo. Essenzialmente si tratta di pezzi di design, fattore per il quale il costo può lievitare e non poco, a prescindere dalla loro forma. Basta guardare i listini relativi mobili per comprendere quanto quelli che riproducono bignè e dolci vari, panini, tavolette di cioccolato e primi piatti possano valere. Si parte dai 500 euro e non di rado per un singolo pezzo si possono raggiungere i 1000 euro. Nel caso di complementi d’arredo firmati da designer famosi si può arrivare anche ai 3000 o ai 5000 euro a pezzo.

Detto ciò, per ciò che concerne la tipologia dei mobili si ha davvero l’imbarazzo della scelta: si può optare per un pouf morbido a forma di bignè o una scatola di sardine per il tavolo. Ed ancora il divano può essere espresso attraverso un hot dog morbido e versatile. Insomma, non ci sono davvero limiti all’estro creativo che si può esprimere quando si parla di arredamento e cibo, soprattutto perché la scelta dei mobili può avvenire sia in base alle loro caratteristiche estetiche sia in base al proprio gusto in fattore di cibo. L’unico consiglio da seguire è quello di non arredare un intero ambiente con arredo culinario ma inserire dei complementi in specifici punti per farli risaltare ed impreziosire la stanza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>