Arredamento, meglio stile classico o tendenze?

di Valentina Cervelli Commenta

In materia di arredamento, meglio lo stile classico o seguire le tendenze che man mano si avvicendano? E’ una domanda più che lecita a prescindere dalle possibili opportunità di cambiamento, anche low cost, che è possibile sfruttare.

Bisogna partire da un presupposto: il gusto personale di solito ha l’ultima parola. Difficilmente si stabilisce l’arredamento della casa pensando solo alla sua funzionalità: questo significa il dover scegliere per la propria abitazione un arredo che al contempo sia piacevole alla vista e pratico all’uso. Fattori questi riscontrabili in un arredo classico che, in fin dei conti non passa mai di moda con le sue linee morbide ma decise ed i suoi colori caldi. Ovviamente differente discorso è necessario fare per ciò che concerne l’arredamento di design e quello presentato ogni stagione dalle tendenze: per quanto infatti piacevole a livello estetico il problema è uno e molto semplice, ovvero bisogna essere in grado di adattarlo alla propria abitazione ed alle proprie necessità.

Basta pensare ad una delle tendenze più in auge del 2018: il velluto. Questo materiale è molto bello al tatto ed utilizzato come tappezzeria rende l’esperienza della persona incredibile a livello sensoriale anche solo sedendosi su una poltrona o divano ricoperti dallo stesso. Ma è davvero buono per essere un elemento presente in casa sul lungo termine? Pensando quindi alla prima domanda che ci siamo posti la risposta giusta è compromesso: si può ottenere uno stile classico con delle contaminazioni ed allo stesso tempo sfruttare le tendenze per creare un mix unico ma funzionale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>