Tecnologia ed arredamento alla Fiera del Levante

di Valentina Cervelli Commenta

Tecnologia ed arredamento alla Fiera del Levante: ancora una volta è il progresso a farla da padrona in questo particolare settore senza però perdere di vista quello che è stato uno dei punti primari e tendenza del 2017: il vintage ed il gusto per l’antico.

Proporre delle soluzioni che richiamano il passato non significa rinunciare a soluzioni esteticamente piacevoli, pratiche in grado di unire design e tecnologia. E’ un po’ questo il messaggio del Salone dell’Arredamento della Fiera del Levante che ancora una volta torna con  tante proposte presentate da numerose aziende il cui unico scopo è quello di trasformare l’abitazione della persona in una struttura il più possibile funzionale senza rinunciare alla bellezza di un particolare stile fruttando materiali e colori incredibili.

Il “tema” dell’ottantunesima Fiera del Levante è il binomio tra economia e cultura e l’arte ovviamente non esula da questa equazione, esprimendosi però attraverso la tecnologia, che appare essere in prima linea soprattutto nell’arredamento. Interessante, in particolar modo è lo spazio che verrà assegnato al Politecnico di Bari ed al loro lavoro grazie alle stampanti 3D. Si tratta di un vero e proprio laboratorio artigianale 2.0 pronto a dimostrare come questi strumenti possano essere usati a servizio della necessità di creare decorazioni di ogni sorta e la realizzazione di opere di design.  Ecco quindi che bicchieri, suppellettili, piatti e tanta oggettistica può essere ottenuta facilmente grazie ad un processo di progettazione software e stampa con estrusione di plastica grazie alle suddette stampanti, ma sulla stessa riga, anche essere creato con argilla.

Insomma, vi sarà di vederne delle belle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>