Scegliere il pavimento per la cucina

di Gianni Puglisi 1

La prima cosa da chiedersi è che tipo di materiale è necessario per la cucina, quale rivestimento può essere più adatto ad un ambiente esposto a sostanze abrasive e all’usura. Dalla risposta a questa domanda dipende la scelta dei pavimenti.

Il pavimento della cucina deve rispettare almeno due caratteristiche per essere adatto a questo ambiente: deve essere bello ma anche e soprattutto resistente. Il rivestimento per la zona cottura crea sempre molti problemi ma adesso le tecniche e i materiali si sono evoluti molto e ci sono tante pavimentazioni che resistono bene all’acqua, ai detergenti, al “passeggio”.

Il materiale più gettonato per la cucina è il cosiddetto gres porcellanato che è un materiale ceramico a pasta compatta. Questo materiale è resistente all’abrasione. Ci sono anche tantissimi trattamenti che consento di ottenere un effetto legno sulle piastrelle che sfiora la realtà con venature e colore naturale.

A livello tattile la piastrella lavorata per essere adatta alla cucina si presenta molto piacevole e cromaticamente può essere ben adattata ad ogni arredo. I formati delle piastrelle della stessa dimensione delle doghe in legno quindi mediamente lunghe 120 centimetri e larghe 15, 20 o 30 centimetri. Grazie alla tecnologia digitale chi non fosse amante dell’effetto legno potrà richiedere una pavimentazione simile alla pietra naturale nella forma, quindi con effetto ardesia, travertino o addirittura cotto.

Se poi le piastrelle in ceramica, indipendentemente dalla fantasia, non vi vanno a genio, allora potete comunque optare per il legno che oltre ad essere importante per l’isolamento termico e acustico, restituisce tutto il calore della cucina di una volta. A livello di materiali, comunque, si consiglia di preferire le fatture più dure e stabili come il rovere oppure l’iroko. Se sono multistrato ancora meglio.

Le ultime tendenze raccontano anche di nuove tecniche di montaggio che prevedono che i prodotti siano posati a secco senza l’uso di collanti. A livello di tendenze nel design invece, s’insiste molto sull’effetto usura che più romanticamente potremmo chiamare “effetto vita vissuta”.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>