The Modern Weld, le lampade create da fari

di Valentina Cervelli Commenta

Talvolta un guizzo di genio riesce a rivoluzionare quello che è l’approccio all’arredamento, soprattutto se si punta al  design vintage: in tal senso a fare la differenza in queste ultime settimane in particolare è “The Modern Weld“, un marchio che crea lampade davvero incredibili partendo da fari.

Non è un’azienda grandissima e definirla piccola manifattura è forse più corretto: essa si trova a Columbus, in Ohio, e sfruttando l’amore e il design delle motociclette ha inventato un nuovo tipo di lampada perfetta per l’illuminazione degli interni, partendo proprio da vecchi fari di ciclomotori. Ed esteticamente mai scelta fu più azzeccata dati i risultati ottenuti.

Va detto che all’interno del loro catalogo non manca proprio niente: si parte dagli Ural degli anni ’60 fino ad arrivare a lampade create usando i fari di Yamaha più recenti. In ogni caso il risultato finale è uno spettacolo, soprattutto perché vi è la possibilità di scegliere, tra le altre cose, la finitura dei diversi treppiedi su cui viene montato il faro (verniciatura in diversi colori e cromatura, N.d.R.) e la sua altezza: in questo modo le lampade possono essere adattate meglio al contesto nel quale verranno inserite, a prescindere che si tratti di un tavolo, una scrivania o il pavimento.

I prezzi delle lampade di “The Modern Weld” cambiano a seconda della lampada: si parte da un minimo di 200 dollari fino ad un massimo di 950. Ed ancora deve essere presentato ufficialmente ma, scorrendo all’interno del sito, è possibile trovare l’indicazione di un progetto che prevede la costruzione di una altoparlante bluetooth all’interno del faro, collegabile allo smartphone. Buona notizia per chi ama questi accessori: l’azienda spedisce in tutto il mondo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>