Giardino d’autunno: scegli i fiori e le piante giuste!

di Gianni Puglisi 4

Anche se le giornate si stanno accorciando e la temperatura non è più così calda, potete ancora godervi il vostro giardino e stare all’aperto. Sia che il vostro spazio esterno sia un piccolo fazzoletto verde, sia che abbiate un grande giardino, con qualche attenzione e qualche oggetto creativo potete mantenere il fascino del vostro verde anche in autunno e perfino in inverno. Come? Basta seguire pochi semplici consigli.

Le piante giuste. Molte piante smettono di produrre fiori in inverno, così per dare un tocco di colore al giardino potte scegliere delle piante a fioritura più lunga. Vi suggeriamo di provare la Verbena ‘Lollipop’ (bonariensis Verbena). Ha dei piccoli fiori longilinei, della stessa struttura della comune Verbena, però cresce molto più vicino al suolo e in questo modo le piantine possono essere intercalate tra altre piante, per avere un po’ di colore durante la stagione in cui le altre piante non fioriscono.

Un giardino sempreverde. Il giardino perfetto richiede molto lavoro, specie se lo si vuole bello tutto l’anno. Per questo vi consigliamo di scegliere molte piante o alberelli sempreverdi, che vi garantiscano un tocco di verde sicuro anche durante i mesi invernali, per evitare che il giardino sembri completamente secco.

Un orto in giardino. Anche nei mesi autunnali, l’orto può ancora produrre bene. Pensate ai carciofi, che hanno un ciclo autunno-primavera. Hanno dei bellissimi fiori viola, molto decorativi e inoltre in primavera potrete avere una gustosa aggiunta al vostro menu di stagione. E non dimenticate le erbe aromatiche. La lavanda e il rosmarino restano verdi tutto l’anno e in primavera fioriscono con meravigliosi colori violetto. Il rosmarino inoltre, resta in fiore fino ad ottobre inoltrato. La salvia e l’alloro inoltre, hanno delle bellissime foglie verdi tutto l’anno, e si possono raccogliere in qualunque stagione.

Le bacche. Se invece volete dare un tocco di colore con piante che producono bacche, potete scegliere l’agazzino le sue bacche rosse, oppure la callicarpa e il cotoneaster (detto cotognastro).

Photo Credit| Wikipedia

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>