Estate 2017: i divani bianchi di Natuzzi

di Valentina Cervelli Commenta

Estate 2017 per la Natuzzi significa puntare sul bianco e su 5 particolari modelli che nella loro essere tradizionali sono comunque in grado di lasciare il segno completando ogni stile nel quale vengono inseriti.

Herman

Herman è essenzialmente un divano caratterizzato da sedute profonde e da un sostegno metallico esterno che richiama la forma di una pinna. Esso è frutto dell’opera dei designer Manzoni e Tapinassi ed è un omaggio allo scrittore di Moby Dick, Herman Melville. Si tratta di un divano dinamico nonostante la sua stabilità.

Dorian

Dorian è un modello dalle linee squadrate e dalle cuciture in rilievo che si adatta ad essere inserito in saloni dallo stile ben definito che possano adattarsi perfettamente alla trapuntatura creata per lo stesso. Classico ma non piatto nella sua espressione, questo complemento d’arredo è componibile per per questo adatto ad ogni living room.

Duca

Duca può essere descritto come imponente, innovativo e di pregiata manifattura. Ogni dettaglio è pensato per rendere questo divano come protagonista dell’ambiente nel quale viene inserito, al fine di offrire il massimo comfort grazie ai braccioli larghi e e le sedute ampie. Importante: ne è disponibile una versione con un un sistema relax e kit audio integrato nel bracciolo.

Ido

Disegnato dall’architetto Mauro Lipparini, questo divano è caratterizzato da una forma classica ottenuta componendo in modo moderno tutta una serie di parallelepipedi: importanti le cuciture invisibili.

Tempo

Tempo, disegnato dagli architetti Manzoni e Tapinassi,è composto da piedi in metallo grigio scuro verniciato a polvere. Presentato in diverse configurazioni si adatta praticamente a qualsiasi living room e la sua composizione in schiuma di poliuretano, assieme alla Memory Foam assicurano una comodità incredibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>