Domotica per principianti: meglio Alexa o Google Assistant?

di Valentina Cervelli Commenta

Quando si parla di domotica per principianti di solito si intende discutere di come rendere automatiche alcune funzioni della propria casa e regolarle con comandi vocali: in quel caso meglio Alexa o Google Assistant?

Comandi vocali e domotica

L’utilizzo dell’intelligenza artificiale per ciò che concerne la domotica passa per forza, inizialmente, attraverso i comandi vocali: l’utilizzo di apparecchiature che consentano la gestione di alcuni processi è basilari. E’ facile immaginare di richiedere l’accensione o lo spegnimento di una luce o, con un pizzico di lavoro in più per convertire la propria casa da anologica a digitale, l’abbassarsi e l’alzarsi delle tapparelle: senza dubbio si tratta di due azioni che automatizzate rendono possibile una più veloce e semplice gestione delle proprie esigenze e gli smart speaker basati su Alexa o Google Assistant sono palesemente il mezzo migliore per iniziare a rendere più automatica la propria casa ad un prezzo molto basso.

Bisogna ricordare che lampadine intelligenti sono già in commercio predisposte per funzionare con i maggiori dispositivi di gestione: la vera scelta importante da fare è quella di scegliere quale assistente vocale utilizzare.

Meglio Alexa o Google Assistant?

Per scegliere cosa si adatta di più alle proprie esigenze tra Alexa o Google Assistant è importante conoscere cosa possono fare  ed il modo in cui lo fanno. La scelta dello smart speaker deve essere legata alle funzioni che si vogliono avere: è ovvio che se si vuole rendere la propria casa domotica e controllare serrature, luci, termostati e simili si ha bisogno di un dispositivo che possa funzionare come hub. E per scegliere tra quelli che supportano Alexa o Google Assistant è necessario prima di tutto verificare la compatibilità con quel che si possiede o che si viole utilizzare.

Se si pensa alle funzioni base delle quali si può usufruire, entrambi consentono di:

  • cercare informazioni sul web, dal meteo alle notizie in tempo reale
  • gestire sveglie, timer, calendario ed impegni
  • riprodurre musica ed altri contenuti multimediali.

Il problema è come lo fanno ed i mezzi che utilizzano. Ma in questo caso, parlando di domotica e gestione smart di dispositivi, Alexa sembra presentare qualche punto in più in quanto a compatibilità e capacità di gestione: sono diverse i produttori che usano tale assistente vocale come base per la creazione dei propri oggetti perché per quanto meno “adattabile” alla persona ed al suo linguaggio, rispetto a Google Assistant, presenta comunque una maggiore versatilità tecnica che sul lungo periodo la rende più utile.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>