I divani modulari Sistema di Viccarbe

di Sara 2

Tra le proposte più interessanti dell’ultima edizione del Salone del Mobile di Milano spiccano le sedute, spesso care ai designer per le grandi potenzialità che offrono alla fantasia: vi presentiamo i nuovi divani modulari Sistema di Viccarbe ideati dallo studio Lievore Altherr Molina.

Il marchio di arredamento valenciano ha già collaborato con lo studio di design Lievore Altherr Molina che torna adesso a firmare una speciale collezione di sedute confortevoli e accattivanti che hanno rinnovato il mondo del living in occasione del Salone del Mobile 2016.

Al centro della concezione c’è proprio la possibilità combinatoria che rende questi divani molto versatili e innovativi. La modularità consente di comporre e scomporre il divano scegliendo ogni singolo elemento in modo da realizzare il proprio sistema su misura.

È possibile mixare sedute classiche di varia grandezza, differenti altezze di schienali, superfici d’appoggio extra e poggiapiedi. Così il proprio divano sarà perfettamente rispondente alle proprie esigenze pratiche e alle preferenze estetiche di ciascuno.

Non solo un divano modulare, dunque, ma un sistema di divani che sa creare soluzioni sempre nuove e originali. Inoltre si possono declinare in diversi materiali e colori per adattarsi non solo agli spazi a disposizione ma anche alle richieste stilistiche, sia degli ambienti che accolgono la struttura che delle persone che vivono la casa.

Per dimostrare quanta versatilità sia capace di offrire questo sistema abbiamo raccolto in gallery per voi diverse possibilità di combinazione che seguono concezioni diverse per arredare il living. Tutte però sono sempre all’insegna dello stile moderno, in perfetto accordo con l’approccio pulito e contemporaneo che il marchio Viccarbe propone sempre tra le sue collezioni di arredamento.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>