Carl Hansen rinnova le poltrone Wing e Oculus

di Gianni Puglisi Commenta

Si rinnova la serie di sedute firmate Carl Hansen & Son che aggiorna due celebri poltrone disegnate da Hans J Wegner, la Wing Chair e la Oculus Chair. Le forme di base delle due sedute, vere e proprie icone del design internazionale, si declinano in nuove versioni tutte da scoprire.

Alle poltrone si abbina il poggiapiedi coordinato e ambedue le sedute sono ora disponibili con una nuova struttura dalla finitura laccata nera, elegantissima e raffinata, senza tempo e al tempo stesso in linea con il gusto contemporaneo.

Il nuovo telaio che dona sostegno alla poltrona ha un design profondamente classico ma grazie alla nuova finitura diventa più moderno, versatile, capace di adattarsi allo stile svelto e frizzante delle case contemporanee.

Si abbina ad una grande varietà di accostamenti, sia in tessuto che in pelle, che possono essere monocromo per un risultato raffinato e discreto o in tonalità contrastanti e colorate, anche con stampe a fantasia.

Il design originale di entrambe le sedute risale agli anni Cinquanta eppure risulta ancora profondamente moderno grazie all’ergonomia studiata con cura e alla forma scultorea ma essenziale che sfoggia linee organiche e insieme estremamente minimali.

I volumi avvolgenti, il comfort promesso visivamente e mantenuto fisicamente, le vaste possibilità di rivestimento per finiture, consistenze e colori, fanno di queste sedie dei pezzi di arredo capaci di soddisfare esigenze molto diverse, mantenendo sempre un carattere molto personale e riconoscibile.

Vi proponiamo in gallery una selezione delle nuove declinazioni proposte sui toni del grigio scuro e chiaro alternato al nero che creano un ambiente intimo e raccolto, sobriamente elegante. Le declinazioni possibili tuttavia sono moltissime, affidate solo al vostro estro e alle vostre preferenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>