Arredi Spot di Wiktoria Lenart

di Sara Commenta

Gli elementi coordinati e modulari sono un elemento chiave della proposta di ogni mobilificio, offrire la possibilità di creare uniformità stilistica tra gli ambienti è un aspetto a cui si presta grande attenzione ma a portarlo alle estreme conseguenze è la linea di arredi Spot di Wiktoria Lenart.

Si tratta di una serie di mobili e complementi d’arredo che optano per uno stile lineare e di grande pulizia visiva, anche nei volumi e nei colori oltre che nelle forme e nei minuti dettagli decorativi, privi di inutili orpelli. Uno stile lineare e uniforme, per di più, che torna identico su tutti gli elementi della collezione, molto ricca e articolata.

Il linguaggio estetico di questa proposta è piacevole e mai invadente ma sa acquisire un carattere molto riconoscibile, specialmente se i pezzi si utilizzano tutti insieme e non come elementi singoli in ambienti già arredati. C’è di tutto: letti, tavoli, panche e comodini, scrivanie e librerie, stipetti, armadi e scaffali.

L’idea di fondo è quella di fornire un intero sistema di mobili e accessori che possono arredare quasi tutti gli ambienti della casa – ma anche dell’ufficio, volendo. Ogni ambiente risponde allo stesso richiamo estetico anche se ciascun pezzo della linea è diverso da ogni altro per funzione e scopo, condividendo con gli altri solo le premesse estetiche.

La designer ha spiegato di aver dato ad ogni elemento una struttura ad A, che diventa identificativa dell’intera linea, per stabilire uno standard comune e riconoscibile. Ogni pezzo è versatile e si può usare da solo o in combinazione con gli altri, aggiungendo via via elementi modulari che li arricchiscono. Il risultato globale potrebbe apparire monotono eppure di fatto dimostra un carattere che non ci si aspetta. Scopritelo in gallery.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>