Altoparlanti bluetooth Ikea: arredamento hi-tech

di Valentina Cervelli Commenta

Anche gli altoparlanti Bluetooth possono divenire un elemento di arredo se la loro forma ed i materiali lo consentono: una dimostrazione diretta di tale assunto arriva direttamente dagli ultimi arrivati in casa Ikea, i quali saranno presto immessi sul mercato.

Non solo all’estero ma anche in Italia, pronti a conquistarsi un gradito spazio nelle living room e nelle camere da letto degli italiani. Difficilmente il colosso svedese si fa sfuggire l’occasione di stupire ed anche in questo caso va detto che la voglia di creare soluzioni all’avanguardia ha vinto su diverse perplessità. Sono due i modelli, chiamati rispettivamente Eneby 20 ed Eneby 30 e la differenza tra i due speaker è, da come si evince, nella loro grandezza. Il primo è grande 20×20 cm e il secondo 30×30 cm e sono stati pensati sia per un uso generale da parte di chi li acquista, sia per adattarsi perfettamente ai moduli a cubo dello scaffale Kallax, altro prodotto targato Ikea.

Esteticamente parlando gli altoparlanti hanno un aspetto minimal e sono composti da una cornice fatta di plastica e una copertura fatta di tela grigia nella parte frontale. A seconda del proprio gusto è possibile rimuovere la tela al fine di lasciare a vista la membrana degli altoparlanti. Tecnicamente il loro funzionamento è molto semplice: essi infatti vengono regolati attraverso una piccola manopola che si utilizza per accendere e spegnere le casse, regolare gli alti e i bassi e gestire il volume. Ed è possibile non solo una connessione tramite Bluetooth ma anche via cavo attraverso un’apertura per mini jack da 3.5 millimetri per poter inserire le cuffie nelle casse.

Eneby20, può diventare anche uno speaker portatile inserendo al suo interno una batteria venduta a parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>