Poltrona Poang di Ikea, primi 40 anni

di Gianni Puglisi Commenta

Poang, la poltrona Ikea, unione perfetta di stile e comfort, compie 40 anni. Non li dimostra affatto e non fa sentire il ‘peso’ della sua età: il passare degli anni, al limite, si  avverte per via delle modalità migliorative che però non riguardano l’inconfondibile design rimasto inalterato, ma la gamma di rivestimenti arricchita. Poang, abbinata a un poggiapiedi coordinato, è una sedia da record non solo per la longevità, ma anche per il successo: vanta 30 milioni di modelli venduti in tutto il mondo dal suo lancio sul mercato, e 1 milione e mezzo di pezzi venduti annualmente. Se vi pare poco…

 

 

Esempio perfetto di un design intramontabile, la poltrona Poang compie 40 anni ed è emblema comfort e stile. Questa icona del design scandinavo è una creazione del designer giapponese Noboru Nakamura.
Resistente, elegante e confortevole, per celebrarla Poang è stata realizzata in modo d’essere ancora più versatile, grazie alla nuova struttura e alle sei nuove fodere con colori inediti e stampe originali.

Con la sua struttura resistente e dal design elegante, la classica poltrona Poang sa dare il massimo del comfort, mentre è personalizzabile. La struttura in faggio curvata e molleggiata segue il contorno del corpo, sostenendo il collo e la zona lombare. Si può creare la propria  poltrona combinando la struttura che più si preferisce con un cuscino in tessuto o in pelle.

 

 

 

Ora che la poltrona Poang ha compiuto i suoi primi 40 anni resta più che mai attuale l’intenzione d’origine del suo ‘papà’, Noboru Nakamura:

Una sedia non dev’essere un elemento che vincola e trattiene chi si siede, ma deve saper offrire una ricchezza emotiva e creare le condizioni ideali per potersi liberare dallo stress.

 

 

 

Fonte e foto ikea.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>