Moda e arredo, binomio sempre più comune

di Valentina Cervelli Commenta

Moda ed arredo sono diventati nel corso di questi ultimi anni un binomio sempre più comune in modi davvero sorprendenti: perché se in alcuni casi vi sono state piccole contaminazioni e collaborazioni, in altri specifici brand hanno lanciato delle vere e proprie linee.

E’ vero, di solito si tende ad “unire” sotto lo stesso ombrello i due settori e idealmente i due mondi possono essere considerati come complementari finalmente dopo essere stati a lungo paralleli. Questo perché entrambi sentono ultimamente il bisogno di attingere l’uno dall’altro, talvolta intrecciandosi per dare vita a prodotti innovativi ed interessanti per tutti. La cosa più intrigante di tutte è che quando le maison di moda decidono di lanciare una linea che abbia a che fare con l’arredamento, non puntano a diventare un marchio specializzato, ma semplicemente a rendere disponibile qualcosa di esclusivo e quindi ricercato.

L’attenzione per la casa, questo è ormai palese, si è fatta alta per tutti e si è tradotta in brand che hanno unito alle loro linee di accessori, delle importanti incursioni nei complementi d’arredo. Uno degli esempi più diretti di questo modo di fare è, ad esempio, la collezione H&M Home: essa è formata da lenzuola, asciugamani, complementi per la tavola e tanta oggettistica e viene venduta all’interno dei punti vendita dell marchio. Differente strada è stata presa da Zara che ha dato vita a Zara Home, una sussidiaria  parte che ormai esprime se stessa in più di 60 mercati mondiali differenti con ricavi astronomici.

E che dire della nuova linea Gucci Decor? In questo caso, data la firma, è l’esclusività a lasciare il segno ed allo stesso modo a vendere: mobili e complementi sono pensati per lasciare il segno e personalizzare al top ogni angolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>