L’ultima tendenza della decorazione tramite stickers

di Gianni Puglisi Commenta

Si può decorare casa e si può anche cambiare l’aspetto delle stanze e dei mobili, attraverso l’applicazione degli stickers che oggi sono numerosi in commercio e possono contribuire a rinnovare la stanza dei ragazzi così come una vecchia scarpiera. Ma l’ultima tendenza qual è?

L’ultima tendenza nel settore degli stickers è quella di unire la forma delle decorazioni con la loro funzione, aggiungendo un tocco di praticità a quello che per troppo tempo è stato considerato soltanto un dettaglio estetico.

Gli adesivi murali moderni quindi, puntano alla semplicità del design e alla velocità della messa in posa che non richiede necessariamente personale specializzato, visto che si applicano con facilità. Gli stickers offrono la possibilità di coprire vecchi rivestimenti, di rinnovare pareti e mobili che ormai hanno stufato. Il tutto attraverso  grafiche, disegni, immagini di gusto più attuale.

 

Tutto nasce dalla volontà di giocare coprendo il vecchio e facendolo apparire nuovo, oppure determinando una nuova interazione tra vecchio e nuovo. Facciamo qualche esempio.

Se la stanza è luminosa

E non avete bisogno di una lampada, non è detto che una piantana non possa far parte dell’arredamento. Lo sticker Piantana di MyCollection è ordinabile on line, può essere personalizzato nelle dimensioni, è disponibile in 14 varianti di colore, costa appena 32 euro.

Se avete bisogno di un’agenda molto leggibile

Lo Sticker Calendrier di Ferm Living trasforma in un campo da gioco di composizioni e racconti da inventare. Il modello Calender, in vinile nero autoadesivo, ravviva una stanza con un’agenda interattiva XXL. Si può scrivere sopra con il gessetto come su una lavagna o utilizzare il set di fogli adesivi lasciato nel kit come promemoria. Misura 100 x 98 cm e il suo prezzo è di appena 80 euro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>