Libreria String, usi molteplici per un’icona di stile

di Valentina Cervelli Commenta

La libreria String, nonostante la sua semplicità, è considerata un’icona di stile e di design. Di cosa parliamo nello specifico? Di una libreria modulare completamente componibile e senza dubbio dai molteplici usi una volta installata.

Si tratta di un “sistema” inventato nel 1949, riuscito a rimanere un vero e proprio evergreen per tutto questo tempo, dando ispirazione alla nascita di moltissime composizioni modulari create negli anni: fu la casa editrice Bonnier ad avere questa fantastica idea mentre alla ricerca di una libreria che consentisse loro di mettere in vendita un numero maggiore di libri. Decisero quindi di lanciare un concorso per la creazione di un sistema di librerie che fosse accessibile nei prezzi e facile da montare e spedire. Vinsero i coniugi Nils e Kajsa Strinning, ed il motivo è palese semplicemente osservando la libreria: minimalista, flessibile ed elegante. Che può funzionare da struttura per tantissimi moduli da aggiungere o per conservare qualsiasi cosa al suo interno: non solo libri quindi ma anche piante, abiti, una scrivania addirittura.

E’ questo il suo punto di forza: quello di poter essere completamente trasformata in base agli accessori che vengono ad essa legati. E’ infatti possibile aggiungere il numero di mensole che si vuole, sportelli per renderla più adatta alla conservazione di suppellettili. Ed ancora cassetti di ogni tipo.  String è senza dubbio uno degli evergreen che con la loro stessa organizzazione puntano a durare nel tempo ed a non stancare mai: se a questo aggiungiamo la possibilità di poter personalizzare molto anche dal punto di vista dei colori abbiamo pronta la formula del successo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>