Lavandini in pietra naturale in cucina

di Valentina Cervelli Commenta

I lavandini in pietra non sono molto diffusi all’interno di contesti residenziali, ma non per questo non possono essere utilizzati negli stessi, per dare più lustro ad una cucina a prescindere dallo stile scelto per la stessa.


La pietra è senza dubbio un materiale freddo e antico rispetto all’acciaio ma è in grado, se si sceglie il modello giusto, di dare all’intero arredamento un’aria elegante e sofisticata a prescindere dalla sua decorazione. Di solito viene scelto come materiale principale per le case in stile rustico ed utilizzato anche nei bagni o in particolari arrangiamenti di living room. La sua manutenzione non è difficile da portare avanti.

Il lavandino in pietra naturale è di solito un pezzo unico, dotato di molta personalità, in grado di dare all’ambiente nel quale viene inserito un’anima propria, piena di calore e di semplicità. Una cucina arredata con un simile lavandino risulterà sicuramente molto accogliente a prescindere dallo stile effettivamente scelto per l’intero ambiente. Ed in caso si decida di optare per lo stesso, non bisogna avere paura di osare negli accostamenti: sono molti i designer che propongono idee in grado di unire insieme lo stile rustico e quello moderno al fine di trovare il giusto equilibrio per rendere la stanza un esemplare unico.

Sono due essenzialmente le strade da poter percorrere: una è rappresentata dall’utilizzo di elementi e materiali rustici come la pietra e legno insieme a pochi accessori al fine di ottenere qualcosa di naturale e moderno. E se proprio non si vuole usare lo shabby chic come stile, si può comunque mescolare gli elementi,soprattutto se si vive in campagna, fino ad ottenere un mix perfetto. Importante: è consigliato utilizzare colori chiari viranti sul pastello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>