Ikea, parte la sperimentazione dell’affitto mobili

di Valentina Cervelli Commenta

Parte finalmente, dopo tanta attesa, la sperimentazione dell’affitto dei mobili da parte di Ikea: un’iniziativa che potrebbe rivelarsi davvero interessante per gli appassionati del marchio.


La notizia è stata data dal Financial Times che, come giusto che sia, analizza quello che è l’aspetto prettamente business della faccenda, soffermandosi su come un tale scelta compiuta da un colosso dell’arredamento possa portare ad una vera e propria rivoluzione nel settore. Al momento l’esperimento sarà condotto in Svizzera per poi essere “allargato” verso altri mercati. Ha commentato Torbjorn Loof, l’amministratore delegato di Inter Ikea:

Lavoreremo con i nostri partner in modo da facilitare il noleggio. Una volta terminato il periodo di noleggio, i mobili vengono restituiti e se ne possono affittare degli altri. Invece di buttarli via noi li rimettiamo a nuovo e potremmo venderli, allungando così il ciclo di vita dei prodotti.

L’idea di base è quella di dare vita a più tipologie di abbonamento per diverse tipologie di mobili: in questo modo non solo si renderebbe sostenibile lo sfruttamento del mobilio venendo incontro alle esigenze economiche della popolazione, ma si darebbe vita ad un sistema green che consentirebbe di sfruttare più a lungo i materiali di cui i mobili sono composti, e quindi nella maggior parte del legno.

Tra le ragioni che hanno portato Ikea a questo passo vi è proprio il desiderio di avere un minore impatto nell’inquinamento del pianeta, riducendo lo sfruttamento di risorse e portando alla creazione di un modello ecosostenibile senza per questo scontentare in alcun modo la propria clientela. Sarà curioso vedere l’accoglienza di questa sperimentazione nel momento in cui giungerà in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>