Bagno giallo, come regolarsi con questo colore

di Valentina Cervelli 1

Bagno giallo? Per quanto inizialmente questa idea possa suonare assurda alle orecchie di molti, quella di utilizzare questo colore per arredare il proprio bagno può rivelarsi vincente in alcuni casi, soprattutto se si è alla ricerca di qualcosa che non sia scontato.

Ed attenzione: sotto il colore giallo sono riconducibili tutta una serie di sfumature che arrivano anche toccare il dorato, quindi se si ha la capacità di inserire la colorazione del modo giusto all’interno dello stesso, il risultato può essere davvero interessante. Non ci si deve soffermare sulla possibile eccentricità della soluzione: basta pensare come può richiamare sia lo shabby chic che il classico mondo vintage per volere dare un’occasione al colore di entrare nelle proprie vite. Certo al contempo non bisogna esagerare, ma non è consigliato nemmeno lasciare perdere tout court.

Giallo limone, giallo senape, giallo zinco, giallo oro: si potrebbe continuare così in eterno con tutte le sfumature. Ognuna di loro è in grado di ottenere un diverso effetto e di donare alla stanza da bagno una certa luminosità. Il consiglio è quello di puntare sul contrasto bianco-giallo e grigio giallo per ciò che concerne singoli rivestimenti o parti di arredo.  L’antracite ad esempio è un colore perfetto, soprattutto se lo stesso viene utilizzato sul pavimento o sul rivestimento delle pareti.

Base del lavandino dorata? Perfetta. Caloriferi gialli? Altrettanto interessanti e simpatici: non bisogna avere paura, è necessario ripeterlo, di allontanarsi dal classico rosa o legno classico. Si può giocate con il colore ed avere un bagno giallo altrettanto elegante.

Commenti (1)

  1. Your hontesy is like a beacon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>