18×18 di Ingo Maurer, la lampada è un foglio che vola

di PieraLombardi Commenta

18×18: la particolarità del nome di questa lampada, che in realtà allude a una misura,  è presto spiegata. Grazie al suo design ultralight e all’impiego di spessori sottilissimi, questa lampada da parete ricorda un foglio di carta che vola. L’ha disegnata Ingo Maurer e prende il nome 18 x18 dalle esatte dimensioni del suo ingombro. Nonostante le misure particolarmente ridotte, è un concentrato di tecnologia…

 

 

 

18×18 ha il paralume in alluminio verniciato a polvere, la struttura è d’acciaio inossidabile. Due giunti a sfera rendono particolarmente flessibile la regolazione dell’applique, che si può muovere per dirigere la sorgente LED a piacere.

Questo incredibile  design ridotto all’osso che la caratterizza unito all’impiego di materiali molto sottili, conferiscono a questa lampada da parete tratti di leggerezza  che fanno pensare a un foglio in carta che vola. O a una piuma luminosa.

 

 

C’è la possibilità di montaggio sia a soffitto che a parete. Si può regolaree/o orientare la lampada soltanto quando è spenta. Occorre
fare attenzione che la lampada può ruotare max. di 180° in senso antiorario e max. 180° in senso orario.

La sostituzione della fonte luminosa di questa lampada può essere eseguita esclusivamente dalla Ingo Maurer GmbH, oppure da un tecnico specializzato incaricato dalla Ingo Maurer GmbH oppure da un persona ugualmente qualificata.

 

 

 

18×18 è dotata di un modulo a LED dimmerabile ad alto voltaggio. La luminosità è regolabile tramite dimmer disponibili in commercio. Un’elenco di dimmer idonei è riportato nelle istruzioni di montaggio. Costo: circa 480,00 €.
18×18 è stata presentata all’Euroluce 2015 e alla fiera Light+Building 2016  il prototipo della versione doppia ‘2 x 18 x 18’.

 

Fonte e foto ingo-maurer.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>