Tavoli per il soggiorno, quali scegliere?

di Gianni Puglisi 1

Il tavolo di vetro è un sogno di molte famiglie anche se chi ha i bambini molto piccoli fatica a prendere la decisione di convertirsi a questo materiale così elegante, resistente e fragile allo stesso tempo, ma soprattutto bello da vedere. Ecco qualche consiglio per fare la scelta giusta. Il tavolo della cucina, se è di vetro, sicuramente arricchisce di eleganza l’ambiente in cui è posizionato. Secondo gli arredatori fornisce un tocco di design e di modernità. Molti brand hanno messo in produzione i tavoli di vetro cercando di variare nello stile e nelle dimensioni di tali prodotti.

Il vetro, il cristallo sono tutti materiali eleganti che si abbinano facilmente anche ad elementi di altra fattura, per esempio al legno e all’acciaio, diventando di volta in volta, dei complementi d’arredo rustici oppure contemporanei. Forse peccano un po’ sul lato della funzionalità ma quanto a resistenza non sono secondi a nessuno.

Un abbinamento molto gettonato è quello del cristallo con il legno ma quest’ultimo deve conservare le tinte naturali o tutt’al più avere delle tinte chiare. Generalmente al legno è affidata la parte del sostegno, quella del piedistallo che va ad impreziosire e rendere più robusto il piano in cristallo. A rendere elegante un tavolo del genere, di solido, è la trasparenza del vetro perché il legno da parte sua conferisce un aspetto rustrico molto ricercato e forse costruito ad arte.

Chi aspira ad avere un arredamento più asettico e freddo proprio per i motivi che abbiamo indicato, sceglierà un tavolo che abbia anche il sostegno in vetro senza mischiare i due stili. In realtà anche l’abbinamento del vetro con l’acciaio è molto richiesto, magari con un vetro opaco, per le cucine che optano per il design moderno.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>