Scandola ravviva il suo fiore all’occhiello: la cucina Tabià

di Gianni Puglisi 1

Da Scandola è risaputo che per la realizzazione di un promettente futuro è fondamentale partire da un solido passato. Per questo l’azienda ha deciso di riprendere un cammino a lei caro: l’amata collezione Tabià è stata rinnovata e ampliata con soluzioni d’arredo che ora abbracciano la casa in modo più completo, dalla cucina alla camera da letto, passando per la zona living e lo studio. Il nome della linea si riferisce ai vecchi fienili di montagna, facendo subito tornare alla mente il profumo intenso e buono del sottobosco e il calore della tradizione. E infatti in Tabià il legno massello d’abete resta il protagonista assoluto, ma le forme, pur mantenendo un tratto solido e rassicurante, sono ora più pulite e contemporanee. La cura artigianale, che da sempre distingue Scandola e i suoi arredi, si manifesta in tanti particolari di pregio: come le colonnine tornite che completano mensole, madie e vani a giorno; le lesene scanalate che perfezionano basi, colonne e boiserie; le cornici sagomate che corrono lungo le testiere dei letti; le gentili chiusure a chiavistello rifinite da cordoncini di cuoio, ecc. Ma  la cucina Tabià non cede mai al vezzo, l’attenzione ai dettagli si accompagna a linee essenziali e misurate, esaltate dalle nuove finiture che ampliano la gamma esistente di colori sobri e naturali ma anche di divertenti colori pastello che strizzano l’occhio all’ironia. Con questo restyling Tabià moltiplica le sue possibilità compositive e conferma la validità della filosofia di Scandola: la possibilità di vivere l’essenza e la naturalità del legno applicandole alle odierne esigenze di arredamento e di stile.

Foto Credit: Claudia Ovan Comunicazione

Commenti (1)

  1. Thanks for sharing your thoughts about crear facebook nuevo.
    Regards

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>