Nuovo Mondo Notte di Scandola, atmosfere calde e confortevoli

di Gianni Puglisi Commenta

Nuovo Mondo ha visto la luce nel 2009 e ha significato una svolta importante per Scandola. Il nome stesso della collezione è eloquente ed esprime la nuova qualità estetica e funzionale perseguita e realizzata dall’azienda. Connotata da una calda eleganza, Nuovo Mondo crea atmosfere accoglienti e confortevoli, caratteristiche particolarmente indicate per la zona notte, tanto da stimolare l’Azienda ad ampliare e completare la gamma dei componenti per la camera. Sono stati ideati nuovi letti singoli, a una piazza e mezzo e matrimoniali, con testiere sagomate in varie fogge oppure imbottite, e sono stati introdotti nuovi complementi, come comodini ed etagere, che rendono lo spazio del riposo funzionale e ordinato. Un’integrazione che moltiplica le soluzioni ora disponibili per la stanza da letto. Abbandonato il carattere country delle collezioni precedenti, Nuovo Mondo ha uno stile a tutti gli effetti new classic: il design si è evoluto e propone una pregevole sintesi di eleganza e contemporaneità. La piacevolezza delle tradizionali caratteristiche del mobile Scandola non sono però andate perdute, anzi, sono state sublimate in linee più sobrie. Questa intelligente rielaborazione in chiave minimale degli arredi si è accompagnata all’introduzione di 8 nuovi colori nella moderna finitura spazzolata, che valorizza le venature del massello d’abete nel quale sono realizzati e offre inedite sensazioni tattili e visive. Nuovo Mondo conferma quindi il suo carattere misurato e raffinato, capace di arredare con armonia le residenze di campagna, ma anche di donare charme e calore a quelle di città, affermando la possibilità un nuovo stile di vita, avvolgente e totalmente naturale.

Foto Credit: Claudia Ovan Comunicazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>