Laminam presenta la nuova collezione Kauri

di Gianni Puglisi Commenta

Trae ispirazione dal legno più raro e prezioso al mondo, da cui prende anche il nome. Kauri, la nuova collezione Laminam, conserva nella sua texture traccia di un legno estremamente contrastato, possente e primordiale, che si trova solo in un’area ristrettissima delle paludi della Nuova Zelanda. La memoria del materiale ispiratore si mantiene nelle evidenti venature, macroscopiche e tirate, che donano alle lastre Kauri un vigoroso tratto distintivo. La tonalità morbida che caratterizza la scala cromatica lascia spazio ad innumerevoli possibilità di posa, dalla più tradizionale, sfalsata tono su tono, a quella patchwork, dove i colori vengono accostati con armonia per creare un effetto sorprendente. Gli alberi di Kauri, abbattuti da cataclismi in un lontano passato e rimasti intatti sotto il fango delle paludi per più di cinquantamila anni, vengono estratti dal terreno proprio come si fa con l’oro e, una volta arrivati alla luce, vengono datati dai laboratori universitari di Auckland con il metodo del Carbonio 14. Nonostante la permanenza millenaria sotto il fango, il legno fossile estratto non risulta né marcito né pietrificato e può essere lavorato come un legno appena tagliato. Ne risulta un materiale assolutamente straordinario, anche per le dimensioni che raggiungono i 70 metri in altezza e i 9 metri nel diametro del tronco. Antico, affascinante, raro ed esclusivo: le caratteristiche di unicità che contraddistinguono gli alberi di Kauri sono coerenti con la filosofia che contraddistingue Laminam nell’azione costante di ricerca e sviluppo per la creazione di nuovi prodotti. Kauri sarà disponibile in tre colori – Bianco, Beige e Grigio – e in due differenti dimensioni, 1000×3000 mm e 333×3000 mm.

Foto Credit: Silvia Rizzi Comunicazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>