Hemp home, la mini casa di canapa ecosostenibile

di Gianni Puglisi Commenta

C’è un modo migliore per costruire e un modo più sano per vivere. Questa l’idea che sostiene Hemp Home, la mini ‘Casa di Canapa‘: uno dei suoi modelli battezzato Tiny+ sta raccogliendo finanziamenti sulla piattaforma di crowdfunding Kickstarter.  Si tratta di un progetto di bioarchitettura per l’abitazione del futuro specie nelle zone colpite da calamità e disastri naturali, firmato dall’architetto Christina Griffin e dal team Green Built.

 

 

 

La bioarchitettura al servizio dell’abitare del domani sulla base dei parmetri della sostenibilità ambientale e della sicurezza, specie nelle zone del mondo colpite da catastrofi naturali.  Tiny+, la minicasa costruita con mattoni di canapa, è l’emblema di un nuovo modo di costruire e un modo più sano di vivere. L’idea di GreenBuilt nata quasi dieci anni fa, dopo l’uragano Katrina e a seguire il devastanmte terremoto di Haiti: in entrambi i casi abitazioni distrutte, mi gliaia di morti e più urgente la necessità di trovare una soluzione : Da lì l’idea dei mattoni di canapa per  proteggere l’umanità e contribuire a preservare il pianeta.

Per il team di Green Built che l’ha ideata e che è una comunità di imprenditori, attivisti, architetti, avvocati e costruttori dedicati alla creazione di edifici migliori con la canapa, sarà la casa del futuro e raggiungerà i più alti standard di bioedilizia.

 

 

La canapa è un materiale da costruzione naturale e rinnovabile, non tossico, non contribuisce al riscaldamento globale, resistente a muffa, parassiti e fuoco. Le sue proprietà isolanti modulano umidità e temperatura.

Una casa piccola nata da una grande idea e un grande passo verso la riduzione delle emissioni di gas e dell’effetto serra e l’attivazione di vivaci economie regionali: con questo principio, il team ha avviato una  campagna sulla piattaforma di crowdfunding Kickstarter per raccogliere fondi per questo prototipo.

 

 

La scelta della canapa, insieme alle altre caratteristiche (alimentazione della casa sia fotovoltaica che solare termica per elettricità e acqua calda; tetto verde, sia per un superiore grado di isolamento termico che per incanalare e stoccare le acque meteoriche), è finalizzata al raggiungimento degli stringenti obiettivi di efficienza energetica per ottenere la certificazione di casa passiva, ovvero i migliori standard di efficienza energetica e una bassissima impronta ambientale.

 

 

La sfida più grande per gli ideatori sarà di fare in modo che i costi siano tali che possa essere una casa che possano permettersi tutti e che si arrivi a un livello di miglioramento dei processi di costruzione e delle tecniche tale che si possano creare nuovi moduli prefabbricati in modo che ognuno possa personalizzare la propria mini casa di canapa, aggiungere una camera da letto per un bambino o un genitore anziano piuttosto che un ufficio o un laboratorio nell’abitazione, all’insegna della vita sostenibile.

 

Fonte e foto greenbuilt.co  e kickstarter.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>