Finestre scorrevoli, una scelta furba

di Valentina Cervelli Commenta

Una casa ben arredata e funzionale passa anche attraverso la cura dell’impianto delle finestre: e scegliere di installare delle finestre scorrevoli può rivelarsi ottimale soprattutto per una corretta gestione termica.

Una scelta furba, si potrebbe dire, che sta diventando sempre più comune soprattutto in quelle unità abitative che possono contare su uno spazio esterno sul quale affacciarsi. Essenzialmente, soprattutto nel caso delle porte-finestre di questa tipologia si può contare su un accesso più diretto e meno complicato. La prima cosa di cui rendersi conto è che le finestre scorrevoli sono di solito pensate per grandi vetrate ma presentano diverse proprietà come quella di garantire una sicurezza più ampia e non necessitare manutenzione.

L’infisso, di tipo scorrevole, tra l’altro, dà modo di ottenere maggiore luminosità rispetto ad uno di tipo normale senza creare ingombro all’interno. Ricapitolando, tra le qualità riscontrabili in questo tipo di soluzione vi sono:

  • Sicurezza
  • Luminosità
  • Dimensioni
  • Manegevolezza
  • Duratura
  • Manutenzione.

Le finestre possono essere a scorrimento verticale o orizzontale di tipo in linea, alzante, traslante ed a scomparsa: mentre quelle classiche vanno su due binari quelle a scorrimento traslante hanno un’anta fissa che si trova allineata con l’altra fino a quando eseguendo un movimento traslante sposta verso l’interno l’anta mobile. Lo scorrimento alzante è spesso utilizzato per finestre di grandi dimensioni mentre quello a scomparsa consente alla finestra di scorrere in modo completo all’interno di una parete lasciandola libera. Insomma diverse esigenze e differenti soluzioni.

Per ciò che concerne gli stili della propria casa non bisogna avere timore di installare le finestre scorrevoli: esse sono disponibili in pvc, legno e metallo.

Photo Credit | Renna Infissi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>