EXPO 2015: i padiglioni di Qatar e Oman tra i più visitati

di Alba D'Alberto Commenta

Ci sono dei padiglioni dell’EXPO 2015 che più di altri hanno saputo attirare l’attenzione dei visitatori e coinvolgerli nel percorso espositivo con eventi, animazioni ma anche e soprattutto con lo sviluppo di un’architettura unica e l’organizzazione di uno spazio accogliente. Sul podio dei padiglioni più visitati quello del Qatar e dell’Oman. 

In questi mesi in cui l’EXPO 2015 ha attirato milioni di visitatori nel capoluogo lombardo, ci siamo soffermati sull’architettura di tanti padiglioni presenti in questa città nella città. E abbiamo avuto modo di presentare anche i tratti essenziali del Padiglione del Qatar e del Padiglione dell’Oman che adesso, a distanza di 5 mesi dall’inaugurazione dell’esposizione universale, troviamo sul podio dei padiglioni più visitati.

Maurizio Crasso, Direttore della divisione verdepensile di Harpo, azienda triestina leader nel settore che ha realizzato coperture green per diversi padiglioni tra i quali proprio i super gettonati Oman, Qatar spiega cos’hanno in comune queste strutture, qual è il loro punto di forza:

Per entrambi i progetti decisamente vincenti, cifra stilistica è il verde verticale, il roof top garden nato in Nord Europa e oggi autentico fenomeno metropolitano. Lussureggianti giardini e distese verdi come altrettanti giardini dell’Eden per due tra i padiglioni più amati: il Qatar, che può contare su un enorme giardino pensile a prato popolato di festuca, pianta erbacea molto diffusa in tutta Europa, mixata a piante odorose, essenze e fioriere colorate e l’Oman che riproduce, al vertice di architetture tipiche del sultanato, un ridente prato verde diviso tre spazi che simboleggiano il sole, la sabbia e il mare; al centro, 26 enormi palme, graminacee, rose e piante di frutta tipiche della penisola arabica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>