Come eseguire la manutenzione del kokedama d’arredo

di Valentina Cervelli Commenta

Inserire delle piante in un appartamento rappresenta uno dei metodi più semplici per dare quel tocco in più all’abitazione. Uno dei modi per farlo è inserire dei kokedama, le piante pensili giapponesi, ma come fare per eseguire la manutenzione?

Questo può anche significare cambiare una pianta appassita o curarne una che è cresciuta troppo. Ricordiamo che questa è in pratica una pianta che viene fatta crescere in una sfera di terra e muschio, anziché in vaso. Essa è una delle tendenze del 2018 più apprezzate ed esteticamente è inutile dirlo, il risultato è tra i più soddisfacenti tra quelli riguardanti l’immissione del verde all’interno dei vani con l’arredamento.  Per innaffiarli basta immergerli per un po’ in un contenitore, per poi strizzarli con delicatezza.

Talvolta, come anticipato, può essere necessario approcciare il kokedama per cambiare la piantina, ma come fare? Non è eccessivamente difficile: bisogna prima di tutto liberare il kokedama dagli strati di spago poi togliere una porzione di terra dal cuore delle semisfere avendo cura di tenerla da parte. E’ importante a questo punto aggiungere (è consigliato un rapporto 1 a 1, N.d.R.) aggiungere del terriccio universale alla terra ricavata dal kokedama mescolando il tutto e aggiungendo un po’ d’acqua che opportunamente impastata a mo’ di polpetta può essere richiusa all’interno del kokedama. Al centro della stessa dovrà essere inserita la piantina.  A questo punto i può ricomporre il tutto, assicurando nuovamente la tenuta delle parti con lo spago e gli opportuni nodi.

In questo modo si potrà recuperare un kokedama senza doverne acquistare altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>