Cucina e soggiorno in arte povera

di Valentina Cervelli Commenta

Cucina e soggiorno in arte povera sono in grado di dare all’abitazione un’aspetto antico ma al contempo sempre attuale: il calore e la semplicità sono le due caratteristiche più evidenti di questo stile.

Partiamo da un presupposto: la cucina in arte povera è un evergreen che dovrebbe divenire un must per chiunque, soprattutto se si vuole ricreare quell’atmosfera che caratterizzava le cucine passate, luoghi vissuti e teatri di momenti spensierati e divertenti perché il vano più sfruttato per stare in compagnia. Vi sono diversi distributori che ancora mettono a disposizione perfetti esempi di cucina in arte povera in diverse fasce di prezzo: il consiglio è di approfittarne se si vuole arredare in legno ottenendo un risultato versatile a tratti elegante. Tra l’altro con l’aggiunta di inserti in muratura e pomelli di ceramica o ferro battuto si può riuscire ad ottenere davvero un importante risultato, soprattutto se si opta per il marmo come materiale per il top della cucina.

Allo stesso modo è possibile realizzare un soggiorno in arte povera dove a seconda dei gusti potrebbe diventare possibile addirittura aggiungere dei pezzi dal gusto più moderno. Un esempio? Inserire all’interno dell’arredamento in questo stile un divano in pelle dalle tinte forti e a contrasto. Ed a seconda della tipologia di arte povera che si vuole perseguire si potrà optare per credenze con qualche anta di vetro se si cerca qualcosa di classico o per quelle al limite del minimal chic se si desidera un approccio più moderno allo stile senza rinunciare al calore del legno.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>