Come realizzare un soppalco fai da te

di Alba D'Alberto Commenta

Le case che si acquistano oggigiorno hanno spazi sempre più contenuti e per questo saper realizzare un soppalco è importante. La soluzione in questione garantisce l’ottimizzazione degli spazi domestici.

Con il passare del tempo, anche la casa più grande può sembrare piccola e per questo si cerca di guadagnare spazio estendendone la metratura in altezza. Insomma, si opta per la costruzione di un soppalco che dà l’idea di avere qualche metro quadro in più, anche soltanto da usare come ripostiglio o come studio.

Assemblare un soppalco non è certo la cosa più semplice del mondo ma affidarsi alla manodopera di un professionista può essere molto oneroso. Meglio sfruttare la propria abilità e la precisione. La precisione è un prerequisito indispensabile per chi vuole costruire un soppalco fai da te, perché basta sgarrare di pochi millimetri per ritrovarsi in un metro quadro di guai, rovinando perfino le materie prime.

I materiali da avere a disposizione sono le viti, i bulloni con i dadi e il legno. Ma prima ancora di mettervi a lavoro dovete accertarvi che esista un regolamento comunale per la costruzione del soppalco e rispettarne le regole.

In linea di massima, se il soppalco deve avere un uso abitativo, allora la zona sottostante deve essere almeno di due metri e la superficie non deve estendersi oltre 1/3 della casa. Lo spazio guadagnato deve essere tutto aperto e ci deve essere in più la balaustra alta più di un metro. Il soppalco, però, può essere realizzato anche per avere un ripostiglio, in questo caso l’altezza può essere inferiore e può essere chiuso su tutti i lati.

costruire soppalco recuperare spazio

Ottenuti i permessi mettetevi all’opera procurandovi l’occorrente. Scegliete il legno più economico e resistente facendovi consigliare dagli esperti di materie prime. Scegliete quindi se ancorare il soppalco al pavimento oppure alle pareti. In genere si sceglie la seconda soluzione per avere maggiore spazio a disposizione.

Applicate quindi le travi di sostegno su muri portanti. Applicate in maniera equidistante almeno tre profilati: alla parete, in posizione centrale e al lato esterno del soppalco. Incastrate quindi le tavole di legno aiutandovi con le scanalature e fissate tutto con i bulloni alle travi di sostegno. Applicate infine un profilo d’acciaio per tenere insieme le tavole e bloccatelo con le viti. Quando viti e bulloni sono ben stretti allora aggiungete le piastre d’acciaio bloccandole con i dadi e se necessario istallate la balaustra e pavimentate tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>