Batik light di Regia, i mobili da bagno componibili

di Gianni Puglisi Commenta

Un bagno da sogno in uno spazio ristretto? Con la nuova collezione Batik light di Regia, è possibile. Si tratta di una versione di mobili bagno interamente componibile, ovvero: concepita per adattarsi ad ogni esigenza e ad ogni spazio in modo da riuscire a fornire una soluzione praticamente “al centimetro”. Del resto, fin dal 1988 (anno della sua creazione) l’azienda Regia si è caratterizzata per la sua propensione “avanguardista” progettando e producendo elementi di arredo bagno fortemente innovativi, la cui particolarità è un design giovane, sperimentale e che si accende di colori squillanti e inediti. Il punto di partenza per rielaborare e progettare l’ampia gamma di pezzi della nuova collezione è stato il richiamo al disegno del tradizionale Batik in cui il piano, di forma allungata con vasca integrata, corre lungo il perimetro disegnando una curva. Per gli spazi più grandi, invece, sono stati ideati i mobili bagno portalavabo con dimensioni da cm120 acm 220 che si ottengono componendo a piacimento i moduli da cm 30, 40, 50 e 60. Per il top con vasca integrata è possibile scegliere tra il LivingTec® bianco e il vetro, con spessore di10 mm, nei colori della gamma Regia e in finitura lucida o satinata. Per il mobile, invece, la scelta verte sui colori Regia laccati lucidi o opachi, così come i complementi che la nuova linea eredita dalla precedente. Completa la collezione una serie di specchi con illuminazione a led. A partire da uno stesso disegno luminoso a cerchi concentrici, gli specchi sono disponibili nella variante tonda con un diametro di 74cm, quadrata che misura cm 74×74 e rettangolare in più misure. Autrice della nuova, bellissima linea, è la designer Bruna Rapisardo.

Foto Credit: Regia www.regia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>