Artborea, ambiente e natura si incontrano allo spazio nAm di Roma

di Malvi Commenta

Ambiente e natura si incontrano allo spazio nAm di Roma che fino al 1° luglio ospiterà la mostra ArtBorea. Un appuntamento da non perdere per chi, negli ultimi anni, si è avvicinato al concetto di architettura sostenibile per arredare casa a basso impatto ambientale. In che modo? Attraverso per esempio l’utilizzo di materiali riciclabili ma senza perdere niente in termini di design e estetica. Il messaggio che vuole lanciare questa mostra è molto semplice: rispetto dell’ambiente e gusto possono davvero andare di pari passo quando si parla di arredamento.

Lo spazio nAm di Roma nasce grazie alla passione di colei che lo ha fondato, Angela Artese, che ispirandosi a spazi simili nel resto d’Europa, ha voluto portare anche nella capitale il concetto di Eco Design e consumo consapevole. E’ questo un argomento che coinvolge sia lo spazio che gli oggetti in vendita, a partire dai mobili e gli altri elementi di arredamento che sono visibili anche sul sito internet.

EXPO 2015, L’ESEMPIO SOSTENIBILE DELL’ARCHITETTURA MESSICANA

La selezione non è fatta solo in base ad un criterio di estetica e qualità di costruzione di oggetti che sono destinati a durare e a non invecchiare nel tempo, ma anche in base ad elementi di sostenibilità ambientale, seguendo concetti come riciclo e riuso. Già, proprio riciclo e riuso, un tempo molto utilizzati, poi finiti nel dimenticatoio e rispolverati negli ultimi anni, grazie a campagne di sensibilizzazione che hanno più volte sottolineato l’importanza di riciclare per rispettare l’ambiente e risparmiare. Il tentativo è quello di portare l’arte nelle case, oggetti di design che creino uno stile non asettico, capace di entrare nella vita quotidiana delle persone a prezzi accessibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>